Comunicazione digitale

Convinti da sempre che la comunicazione sia un intreccio indissolubile tra competenze e linguaggi, Elastica ha sviluppato nei primi mesi di pandemia format di successo per ovviare all’impossibilità di essere live con eventi tradizionali come le conferenze stampa e le presentazioni dei libri. Ciò che abbiamo tenuto da subito ben saldo davanti a noi, nel progettare nuove soluzioni, è stato il fatto che il digitale non poteva essere un piano B da mettere in campo in attesa che tutto tornasse come prima. Per questo, andavano da subito ottimizzati, per esempio, i canali di trasmissione, le modalità di messa in scena e la scelta delle piattaforme, il tutto sempre con una regia che avesse come punto di riferimento quello televisivo.
Da qui, alcune esperienze significative.
Abbiamo cominciato con un ciclo di quattro digital talks per la presentazione de Il Dopo, il libro scritto dalla virologa Ilaria Capua durante il lockdown di marzo, ed uscito nel maggio scorso. 320mila le visualizzazioni avute tra dirette e i primi giorni di permanenza sui social.
Sempre con Ilaria Capua, l’esperienza si è allargata oltre i confini italiani, proponendo quattro  talk digitali che in collaborazione con New York University, World Bank, Greenpeace International e l’organizzazione ambientalista internazionale 350.org hanno presentato l’edizione inglese di Salute Circolare, il libro-manifesto della virologa ora a capo del One Health International Center in Florida.
Infine, abbiamo ribaltato gli schemi della comunicazione in occasione anche della conferenza stampa de L’Eredità delle donne, il festival sull’empowerment femminile che Elastica organizza da tre anni, a Firenze, con la direzione artistica di Serena Dandini. L’Eredità delle Donne è stato il primo festival a sperimentare lo streaming non come PIANO B ma come opportunità. In contemporanea al programma “on the ground”, infatti, sul sito stesso della manifestazione è andato in onda l’intero contenuto della tre-giorni, allestendo quasi un canale tv dell’empowerment femminile. 

 

 

portfolio