40 anni di STM

Bologna che comincia sempre così: con la bottega, con l’artigiano che impara, che fa la gavetta, che diventa capace e che poi si industria.
Questa è la storia di Bologna ma è anche quella della STM Riduttori di Calderara di Reno che ha festeggiato il suo quarantesimo anniversario di attività.

Per festeggiare i quarant’anni di successi, la STM ha organizzato la mostra “Bologna comincia sempre così….” all’aperto tra via Rizzoli e Piazza Re Enzo: 12 pannelli su cui sono esposte 24 fotografie rappresentative di quello che è stato il lavoro dei dipendenti STM in questi 40 anni di attività.

Nella mostra sono state selezionate fotografie, realizzate da Giacomo Maestri, in cui i dipendenti hanno in mano una foto del passato, come fosse un simbolo del passaggio di testimone tra quello che era prima e quello che è ora. Un contrasto quello tra ieri e oggi che non vuole indicare una contrapposizione tra epoche diverse, ma piuttosto una continuità operativa che ha portato a decisivi miglioramenti tecnologici e ad una crescita dell’azienda. Dal piccolo capannone, fino ad arrivare alle vastissime dimensioni attuali, dalla progettazione a mano fino ai progetti tecnologici realizzati con tecnologici computer, dalla logistica con un piccolo furgone fino all’esportazione in tutte le parti del mondo. La STM però non ha mai dimenticato le sue origini artigiane e continua a realizzare i suoi prodotti con la passione e la determinazione di 40 anni fa.

Le celebrazioni del quarantesimo anniversario STM  hanno poi avuto un altro appuntamento importante con la festa di gala organizzata a Palazzo Albergati. Ospiti della serata, condotta da Giorgio Comaschi, sono stati i Toccata e fuga, celebrato quartetto di voci liriche.

portfolio