A Foggia gli stati generali della Satira con Colloquia, il Festival delle Idee

Makkox, Rocco Tanica, Andrea Zalone, Serena Dandini e Gene Gnocchi. Questi gli ospiti dell’edizione 2017 di Colloquia intitolata “Libera satira in Libero Stato”, condotta da Tommaso Labate e curata per il secondo anno consecutivo da Elastica per la Fondazione Banca del Monte Domenico Siniscalco Ceci di Foggia.
Una due giorni di dibattito, confronto e ovviamente di risate perché se si parla di Satira non si riesce a stare seri troppo a lungo.
L’alchimia e l’empatia scattata tra Makkox, Rocco Tanica, Andrea Zalone, con la conduzione di Tommaso Labate ha reso l’incontro di sabato alla cittadella dell’Economia di Foggia, un evento nell’evento dove le riflessioni serie si alternavano ad acute battute,  ai disegni di Makkox, all’ironia di Rocco Tanica e ai racconti di Andrea Zalone in qualità di autore di Maurizio Crozza.
Domenica mattina Serena Dandini e Gene Gnocchi, sempre incalzati da Tommaso Labate, hanno offerto al pubblico uno scenario chiaro dello stato di salute della satira del nostro paese: dal ricordo della loro TV, ai nuovi format televisivi, alle opportunità che la rete offre ed in generale alle epoche che cambiano e a come oggi la politica sia osmotica alla satira, perché come dice Gene Gnocchi “Quando ho visto Mario Monti con in braccio il cagnolino, ho capito che era finito tutto”.

Foto di Associazione Memoria Condivisa e Fondazione Banca del Monte Domenico Siniscalco Ceci di Foggia

Bestie e bestiari quando ancora non erano social

Prendetevi una pausa e leggete; una riflessione filosofica al giorno toglie il medico di torno….Stefano Bartezzaghi, personaggio di punta tra i relatori di Elastica, racconta la tradizione dei Bestiari. “Vario…

A Casa di Lucio nella Città della Musica

Subito un grande successo di pubblico le prime settimane di visite guidate A Casa di Lucio che ha fatto registrare nel giro di pochi giorni il tutto esaurito. Le visite…

“Se Elastica fosse una voce del vocabolario, sarebbe……”

“Se Elastica fosse una voce del vocabolario, sarebbe……”. Ecco il ritratto sintetico del nostro lavoro nelle parole, affettuose ed ironiche, devote e giocose che i nostri relatori ci hanno regalato…