“È cima!”: Nives e Romano conquistano l’Annapurna

Conosco Nives prima della spedizione del Makalù, lo scorso maggio. Ci telefoniamo perché lei abita a Tarvisio e sta per partire. Chiacchieriamo e ci raccontiamo un po’ di cose per conoscerci meglio, mi parla del libro, di Romano e appunto della prossima cima che la aspetta. Poi ci salutiamo e lei mi dice “ok ti chiamo quando rientro”. E’ giugno dell’anno scorso quando ricevo la sua telefonata “Ciao sono Nives, ricordi?”.
Da quel momento Elastica inizia a seguire e ad appassionarsi a Nives e Romano, perché se parli di lei, parli di loro.
Nives e Romano ci conquistano con la loro semplicità, forza, onestà d’animo e quel legame cosi viscerale che sembra renderli unici.
I loro incontri sono delle esperienze emozionanti: le immagini girate da Romano raccontate dalla voce e dalle parole di Nives, le sale sono sempre gremite e gli occhi molto spesso lucidi per l’impatto emotivo che riescono a trasmettere.
Quando ci salutiamo un paio di giorni prima della loro partenza per l’Annapurna, li congedo con un semplice “divertitevi”.
L’11 Maggio 2017 Leila, sua sorella, mi manda un messaggio “è cima, ti chiamo”, in ufficio si festeggia e ci si organizza per le attività di comunicazione.
Il Nepal è lontanissimo ma per un giorno il nostro ufficio ha fatto da tenda d’appoggio per un campo base multimediale.
Nives Meroi è nata il 15 settembre lo stesso giorno di Reinhold Messner, ci piace pensare che non sia caso, forse più destino.
Ndr: Nives Meroi e Romano Benet sono l’unica coppia al mondo ad aver scalato tutti i quattordici 8.000 senza ossigeno e senza climbing sherpa.

Sonia Bignozzi dal Bestiario di Elastica 

Foto di Giacomo Maestri (www.giacomomaestri.net

A Casa di Lucio nella Città della Musica

Subito un grande successo di pubblico le prime settimane di visite guidate A Casa di Lucio che ha fatto registrare nel giro di pochi giorni il tutto esaurito. Le visite…

“Se Elastica fosse una voce del vocabolario, sarebbe……”

“Se Elastica fosse una voce del vocabolario, sarebbe……”. Ecco il ritratto sintetico del nostro lavoro nelle parole, affettuose ed ironiche, devote e giocose che i nostri relatori ci hanno regalato…

Là dove finiva Bologna, comincia Elastica

E’ uno dei pochi palazzi del centro storico la cui facciata si può godere da una prospettiva ampia: arrivando dalle Due Torri e puntando alla via Emilia, da via Ugo…