Un abito nuovo per gente di carattere. Elastica si rifà il sito

Due anni e qualche spicciolo di mese, e già Elastica si rinnova. A cominciare dal vestito, perché ci piace cambiare, perché è vero che l’abito un po’ fa anche il monaco.

Sono stati due anni davvero intensi, pieni di esperienze, vissuti a cento all’ora. Quando l’11 settembre 2014 (sì, proprio l’Undici Settembre, ci teniamo alla data) abbiamo acceso l’indirizzo elastica.eu, ciò che avevamo da mettere in vetrina era solo (che poi, si fa per dire ‘solo’) la nostra esperienza e una bella carica di buoni propositi. Così riempimmo quella lunga homepage di immagini che potevano in qualche modo rappresentarci: un uovo e una gallina, una macchina da scrivere e il numero 22, un cronometro e una lepre – giusto per ricordarne alcune – immagini sovrapposte, flessibili, a raccontare la nostra capacità di guardare la stessa cose da prospettive differenti, come nel tratto del nostro logo, Elastica compresa tra due segni che vibrano con sfumature diverse e complementari. Poi enunciammo quelli che sarebbero stati i princìpi cardine del nostro agire: il futuro a portata di mano, basta afferrarlo; la comunicazione come un oggetto a trecentosessanta gradi che muove il nostro lavoro; un pensiero elastico, appunto, tra la visione generale e il particolare, tra l’attenzione alla complessità e la necessità di sfrondare il superfluo.

In due anni quella pagina, quell’abito ci è diventato presto stretto.  Così ora ci presentiamo con questo nuovo, cucito su misura per noi da Giancarlo Basso e Tommaso Gavioli di Youtool, un abito che ancora meglio rappresenta chi siamo e verso quale direzione puntiamo: la progettazione di eventi live e il management di relatori di fama nazionale e internazionale, due attività che si dividono in parti uguali il nostro tempo, la nostra energia e la nostra creatività, non sempre come due attività necessariamente separate.

Carmen, Francesca + Francesca, Giulia + Giulia, Martina, Sonia, Valentina (Elastica è donna, ma ospita gentilmente anche un maschio, Luca) è una squadra che continua a pensare la creatività e la comunicazione senza compartimenti stagni, un continuo lavoro di ricerca che procede per osmosi muovendosi tra discipline, format e linguaggi differenti tra loro ma che a noi piace assemblare proponendo soluzioni originali.

Insomma, continuate a seguirci, ve ne faremo vedere ancora delle belle. E il nuovo abito web è solo l’inizio dell’affermazione di una identità sempre più forte. Siam gente di carattere, noi!

La  divertente sezione  “Chi Siamo” è stata realizzata grazie alle foto di Giacomo Maestri

Là dove finiva Bologna, comincia Elastica

E’ uno dei pochi palazzi del centro storico la cui facciata si può godere da una prospettiva ampia: arrivando dalle Due Torri e puntando alla via Emilia, da via Ugo…

Fare i conti con il festival

Rilanciamo volentieri un intervento di Stefano Bartezzaghi (uscito su Repubblica di domenica 12 novembre) in cui Elastica si riconosce molto. Buona lettura Fare i conti con il festival Di Stefano…

“È cima!”: Nives e Romano conquistano l’Annapurna

Conosco Nives prima della spedizione del Makalù, lo scorso maggio. Ci telefoniamo perché lei abita a Tarvisio e sta per partire. Chiacchieriamo e ci raccontiamo un po’ di cose per…