Mia madre pensava che avrei fatto l’avvocato, spinta da quel forte senso di giustizia che sbandieravo sin da bambina. Io, invece, volevo fare l’artista, vedendo l’arte come uno strumento di denuncia sociale e di comunicazione.

Queste pulsioni mi hanno portata a studiare fotografia e graphic design.
Consapevole, però, che l’arte non è solo ispirazione, mi sono iscritta alla laurea triennale di filosofia, perché l’arte ha bisogno anche di pensiero, cultura, approfondimento.

Passioni e consapevolezze ora convergono nel mio lavoro ad Elastica dove sono impegnata nel lavoro di social media marketing e nella squadra di comunicazione.

Sul lavoro cerco di trovare mix fra creatività e ragionamento, precisione e curiosità, dati statistici e sprizzi creativi. Fra una giornata lavorativa e un’altra mi alleno in palestra, faccio lunghe passeggiate ascoltando podcast, scrivo e dipingo. Ah, a proposito, devo trovare anche il tempo per finire gli esami.